Accedere ai finanziamenti fondo perduto

admin 16 Ottobre 2022 0 commenti

Cosa sono i finanziamenti fondo perduto: una premessa

I finanziamenti fondo perduto sono sempre un tasto dolente per chi ha un’impresa e ha bisogno di “carburante” finanziario per avviarla. Quindi ogni imprenditore o aspirante tale spulcia avidamente le pagine di Google a caccia di presti o bandi per fondi pubblici.

C’è una tipologia in particolare di fondi. Essi sono più noti in italiano come finanziamenti fondo perduto, e hanno una simpatica caratteristica: non occorre restituirli in tassi di interesse.

Finanziamenti fondo perduto

I finanziamenti fondo perduto, per la loro stessa natura di fondi agevolati, essi sono in genere rivolti ai under 35 e alle donne, considerati le fasce “deboli” della popolazione imprenditoriale. Non mancano tuttavia bandi per gli over 40 e 50, spesso disoccupati che intendono rilanciarsi come imprenditori.

Altre tipologie di bandi, fra cui “Resto al Sud” che è uscito il 15 gennaio, sono rivolti ai giovani imprenditori under 35 e residenti nel meridione d’Italia.

A erogare questi bandi sono in genere enti pubblici, statali, regionali ed europei.

Come accedere ai finanziamenti a fondo perduto: iter e limiti.

Per accedere al fondo perduto occorre consultare siti come Invitalia alla ricerca di bandi. Una volta accertato di rispettarne i requisiti (ossia l’essere donna, under 35 o altro) si può fare domanda.

Va detto tuttavia che per quanto l’iter di per sé non sia particolarmente complicato è comunque dispendioso in termini di tempo e attese. Questo perché i fondi pubblici destinati alle imprese vengono centellinati.

Tuttavia, pur di raccogliere finanziamenti, nulla va lasciato intentato, quindi ecco l’iter generale con cui si partecipa ai bandi per i finanziamenti.

  1. Una volta accertato di possedere tutti i requisiti per partecipare inviare la domanda di partecipazione corredata di modulo di adesione, business plan (che sia il meglio strutturato possibile) e documengti di identità. I dettagli di partecipazione, tuttavia, variano di bando in bando.
  2. Attendere che la domanda di partecipazione superi l’esame di una commissione tecnica
  3. Superato questo primo step di valutazione attendere il colloquio,
  4. Se si è superata anche questa fase firmare un documento che ti renda a tutti gli effetti beneficiario del finanziamento.
  5. Attendere l’uscita delle graduatorie in cui risulti beneficiario.
  6. Attendere l’arrivo vero e proprio del finanziamento a fondo perduto.

Qualche informazione in più

Quando parliamo di tali finanziamenti possiamo dire che questi offrono buone possibilità di crescita per imprese e aziende di diverso tipo. Proviamo a riflettere su cosa sono effettivamente questi contributi.

Le somme di denaro erogate sotto forma di fondo perduto non necessitano di restituzione. Esse sono spesso finalizzate a obiettivi precisi come ad esempio all’autoimprenditorialità giovanile o femminile. O ancora si stanziano verso programmi di  innovazione in particolari settori. Tali opportunità sono di solito però poco conosciute, probabilmente ciò accade in parte per mancanza di adeguata pubblicizzazione di simili progetti, in parte per la poca conoscenza su come funzionano e cosa sono i finanziamenti a fondo perduto.

Come funzionano i finanziamenti fondo perduto? Esistono varie tipologie di finanziamenti a fondo perduto. Ecco alcuni esempi:

Gli investimenti in questione possono essere erogati da vari soggetti. Ad esempio, si può accedere a finanziamenti a fondo perduto con bandi europei o tramite fondi che vengono gestiti dalle regioni italiane (per esempio SiciliaCampania, Lazio, ecc..)

Ancora, si va da incentivi per l’imprenditoria giovanile o femminile, per l’agricoltura, a favore di alcuni territori specifici, per i disoccupati.

I bandi

Circa tale questione, i bandi assumono un ruolo molto importante. I bandi finanziamenti fondo perduto possono avere un termine o essere costantemente attivi. Di solito si tratta di incentivi mirati a favorire alcuni settori o categorie.

Molto dipende da come funziona uno specifico finanziamento. Ogni tipo di finanziamento presenta delle proprie caratteristiche nonché modalità di funzionamento interno. A tal proposito è possibile che vengano messe in essere verifiche per controllare l’effettivo utilizzo delle somme concesse. A volte ad esempio, la loro concessione è vincolata ad alcuni parametri specifici e il mancato rispetto delle indicazioni del soggetto erogatore potrebbe comportare anche l’annullamento del contributo.

Questi prestiti allora possono essere presi in considerazione da imprese in via di sviluppo, oppure da società ancora non avviate. Tutto sta nel prestare attenzione ai requisiti richiesti per gli incentivi a cui si è interessati.

Quando si richiede un determinato tipo di prestito è necessario allegare alla domanda un business plan. In questo modo si riuscirà maggiormente a capire il tipo di attitudine dell’azienda. Il documento dovrà indicare come funziona e come è strutturato il progetto che ci si accinge a sostenere con i finanziamenti concessi.

Ti potrebbe interessare anche: Partita iva comunitaria: cos’è e come richiederla?

Non dimenticare di visitare il sito ufficiale: 8byte