Regime dei minimi 2019: requisiti e caratteristiche

Cindy Nicole 10 Maggio 2022 0 commenti

Regime dei minimi 2019. Analizziamo insieme la nuova normativa al riguardo.
Segui questa guida sui requisiti e le caratteristiche del nuovo regime dei minimi 2019, detto anche forfettario. In questo senso potremmo introdurre anche un piccolo accenno alla flat tax per le partite IVA, introdotta mediante l’estensione dei limiti per l’accesso al regime forfettario. Si tratta di una tassa piatta”: essa viene posta al posto delle attuali cinque aliquote Irpef e dei cinque scaglioni di redditi.

In Italia, la partita IVA è tassata ad un tasso fisso del 19%. È meglio che un’azienda italiana si registri per questo codice fiscale perché sarà meno complicato e richiederà meno tempo che se ci si registrasse come impresa con sede all’estero.

In Italia esiste un tipo specifico di tassazione aziendale che ha guadagnato molta attenzione negli ultimi anni: L’imposta sul valore aggiunto (IVA). L’idea alla base di queste tasse è nata durante la seconda guerra mondiale, quando i paesi si sono trovati a lottare finanziariamente a causa dell’aumento dei tassi di inflazione causati in gran parte dalle richieste di produzione in tempo di guerra, combinate con la diminuzione delle esportazioni derivanti dai blocchi navali alleati che impedivano alle merci di essere spedite all’estero, e con le importazioni elevate che portavano alla pressione del bilancio interno.

Storia e definizione

Il regime dei minimi è stato introdotto nel 2008 e interessa gli specifici contribuenti quali: imprenditori individuali e i lavoratori autonomi.
Non prevede l’applicazione di Iva, Irap e studi di settore.


Si tratta, dunque, di un regime fiscale agevolato che offre un vantaggio al contribuente in merito al discorso sulla tassazione. Tale regime minimo non è applicabile per il lavoratore dipendente ma solo per coloro che sono possessori di partite iva. Esso è volto a favorire la costituzione di nuove imprese, soprattutto da parte di giovani e lavoratori in mobilità.

Si sa infatti che le tasse sono tra i principali nemici degli imprenditori, grazie a questi vantaggi strumentali sarà possibile vantare di una prestazione ottimale priva di limiti strutturali. Il contribuente minimo è il destinatario di tale beneficio. Scopriamo qualcosa in più.

Il regime dei minimi è un piano di risparmio agevolato dalle tasse che offre un vantaggio al contribuente per quanto riguarda la tassazione.
In questo modo i contribuenti compilano le loro tasse in un modo o nell’altro ogni anno, di uscire dal pagamento di tutti i soldi che devono se superano gli importi stabiliti finanziariamente possibili in base a ciò che si chiama “criteri di ammissibilità”.

Questa politica è stata creata perché sappiamo quanto sono stati duri i tempi ultimamente, il che significa che la maggior parte delle persone non può permettersi tutte queste tasse come l’imposta sul reddito senza ridurre il potere di spesa a casa poiché le imprese si basano molto sui consumatori per la crescita, quindi stabilire questo tipo di situazione aiuta tutti!

Le novità

Dal 2012 l’imposta sostitutiva a cui è soggetto il reddito è stata ridotta dal 20% al 5%. Le regole non cambiano apparentemente dal 2013 al 2014.

Quando parliamo di regime dei minimi 2019 non possiamo non parlare anche delle leggi che riguardano il nuovo regime forfettario! Nel 2015 entra in vigore il regime forfettario, ovvero un regime dei minimi contabile agevolato La nuova legge è stata progettata con l’intenzione di incoraggiare il risparmio a lungo termine rispetto agli investimenti a breve termine, in modo da non minare la stabilità economica all’interno della nostra società, quando ci sono molti altri problemi per i quali potremmo usare quel denaro, come ad esempio la protezione dell’ambiente o i costi sanitari associati agli incidenti sul lavoro,

Tale regime è riservato a:

  1. professionisti come ad esempio avvocati
  2. persone fisiche
  3. imprenditori

Sempre nel 2015, sono stati emanati dei decreti legislativi che distinguono tra:

  1. ordinario:

Cos’è il regime ordinario dell’IVA?
Molte persone non sanno cosa significa questo termine, ma è un concetto importante negli affari. Farò del mio meglio per spiegarlo in modo da non lasciare nessuna domanda senza risposta! L’aliquota IVA “ordinaria” applica l’imposta sulla maggior parte dei beni e servizi che arrivano sui nostri mercati come i negozi al dettaglio o i siti di shopping online. Questo tipo di imposta elevata può essere leggermente ridotta per alcuni articoli se soddisfano specifiche qualifiche come essere regali forniti da aziende che impiegano più di 20 dipendenti all’anno (10 lavoratori più le loro famiglie).

  1. regime forfettario:

Una tassa forfettaria è un modo ideale per le imprese e i consumatori per semplificare la loro rendicontazione. Questo tipo di sistema è stato provato in altri paesi con grande successo, quindi perché non adottarlo qui?
Sarebbe abbastanza facile – solo 2 passi: decidete quale percentuale volete che i clienti o i venditori paghino (la base), poi impostatela come il vostro Schema di aliquota IVA x%. Diciamo che all’inizio rendiamo tutto più caro del 10%; ora quando qualcuno ci pagherà dovrà l’11%, ma se qualcuno deve il 9 allora solo l’8 verrà tolto perché non ci sono più centesimi sopra!

  1. semplificato:

Il regime semplificato è una grande opzione per coloro che hanno una conoscenza minima della contabilità. Richiede poco sforzo e può essere applicato facilmente, rendendolo perfetto in situazioni in cui il tempo o le risorse sono scarse

Ridurre al minimo la burocrazia legata ai regolamenti aiuta a snellire i processi aziendali, risparmiando anche sulle spese dei commercialisti – ma non tutti vorranno che la loro contabilità aziendale abbia questo aspetto! Se siete ancora curiosi di sapere come funzionano le cose sotto il regime di contabilità semplificata (SAR), permettetemi di svelare alcuni dettagli: Sotto tutti quegli zeri? Rappresentano i margini di profitto; quando le entrate superano le spese di un margine sufficiente ogni anno, dopo che le tasse sono state rimosse dai profitti.

Quindi in merito al regime dei minimi 2019:

  1. chi apre un’attività dopo il 1 gennaio 2015 si avvale del regime forfettario 2018, se in possesso dei requisiti: Gli imprenditori che iniziano un’attività dopo il 1° gennaio 2015 hanno l’opportunità di approfittare di un interessante pacchetto fiscale che è stato introdotto nel 2018. Questo schema è disponibile solo per coloro che soddisfano determinati requisiti e prevede uno sconto fino all’85% su tutte le spese imprenditoriali sostenute durante i primi tre anni dalla data di registrazione.
  2. per chi gode del regime dei minimi ante 2015/2016 può scegliere se passare al forfettario o di permanere nel regime del 2019

Dal 2017 il regime dei minimi non viene più applicato a tempo indeterminato e a prescindere dalla data di inizio attività, ma:

  1. interessa solo chi ha intrapreso un’attività d’impresa, arte o professione dopo il 31 dicembre 2007
  2. vale per il periodo d’imposta in cui l’attività è iniziata e per i 4 successivi
  3. per i giovani, questo periodo può essere maggiore, ma non oltre il periodo di imposta di compimento dei 35 anni d’età.

Cosa succede con il nuovo regime dei minimi 2019

Per chi ha già aperto una partita IVA rimane in vigore il vecchio sistema, a meno che non si abbia i requisiti per il passaggio al nuovo. Ecco alcune informazioni sul regime dei minimi 2019. Quali sono i limiti e qual è la tabella dei coefficienti di redditività per i titolari di partita IVA forfettari con regime dei minimi 2019?

Se si richiede il passaggio al regime forfettario 2019, è previsto:

  1. un’aliquota sostitutiva del 15%:

Un’aliquota sostitutiva del 15% è molto più alta della media del 5%.
Una persona con un reddito di 100.000 dollari e un’aliquota sulle plusvalenze del 20%, dovrebbe pagare le tasse sui suoi guadagni dopo che sono stati guadagnati alle aliquote seguenti.

  1. riduzione dei contributi INPS:

La riduzione dei contributi INPS è una misura di taglio dei costi che permetterà al governo italiano di risparmiare denaro.
I tassi dei mutui sono ancora alle stelle, e sarebbe meglio se riuscissimo a far scendere i tassi d’interesse in modo che la gente possa permettersi di nuovo di comprare casa!

  1. semplificazioni fiscali
  2. soglia di reddito che consente l’accesso al regime agevolato passa da 30mila a 65mila euro

A chi, invece, apre una nuova attività dal 2019 viene applicato il regime forfettario o regime dei minimi 2019.

Requisiti regime dei minimi 2019

Per il passaggio al nuovo regime dei minimi 2019, i requisiti sono:

  1. svolgimento di attività artistica, di impresa e di lavoro autonomo e professionale svolta in forma individuale (non sono quindi ammesse al regime forfettario le società e gli altri soggetti collettivi)
  2. limite di ricavi non superiore ad euro 65.000,00
  3. divieto di svolgimento in prevalenza dell’attività nei confronti del proprio datore di lavoro o di un soggetto che lo è stato nei due anni precedenti o di un soggetto ad esso riconducibile
  4. il divieto di partecipazione a società di persone, associazioni, imprese familiari
  5. divieto di controllo, direttamente o indirettamente, di Srl o associazioni in partecipazione che esercitano attività direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dal soggetto in forfait.

Vengono esclusi dal nuovo regime dei minimi 2019

Vediamo ora quali sono i soggetti esclusi dal nuovo regime dei minimi 2019:

  1. i soggetti che si avvalgono di regimi speciali ai fini Iva o di regimi forfetari di determinazione del reddito
  2. soggetti non residenti, ad eccezione di coloro che risiedono in uno degli Stati membri dell’Unione europea, o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo, che assicuri un adeguato scambio di informazioni, e producono in Italia almeno il 75% del reddito complessivamente prodotto
  3. sono esonerati dal nuovo regime dei minimi 2019, i soggetti che effettuano, in via esclusiva o prevalente, operazioni di cessione di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili o di mezzi di trasporto nuovi:

La persona che aliena la proprietà vendendo edifici o parti di essi spesso lo fa per profitto. Sono persone nell’industria delle costruzioni, agenti e mediatori immobiliari, così come qualsiasi altra attività che ha a che fare con nuovi mezzi di trasporto come i container marittimi.


Anche le transazioni che coinvolgono il trasporto di merci attraverso i confini internazionali rientrano in questa categoria perché richiedono uno scambio tra le valute di due paesi diversi; un paese avrà bisogno della propria valuta prima di poter pagare l’unità monetaria di un’altra nazione.

Proseguendo… sono esonerati dal regime dei minimi 2019:

  1. i soggetti che partecipano contemporaneamente a società di persone, associazioni professionali o imprese familiari , o che controllano direttamente o indirettamente società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa arti o professioni
  2. le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta, ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili a tali datori di lavoro

Spero che le informazioni siano state chiare e utili!

Ti potrebbe interessare anche: Regime Forfettario 2019: requisiti d’accesso

Non dimenticare di visitare il nostro sito ufficiale 8byte