Note di debito cosa sono

autore articolo Veronica Balzano data articolo 20 Febbraio 2024 commenti articolo 0 commenti

Note di debito cosa sono e a cosa servono? Talvolta può accadere di inserire in fattura un importo inferiore rispetto a quello effettivo. A questo punto, la nota di debito può risultare d’aiuto per risolvere questo tipo di situazione.

Si tratta prima di tutto di un documento contabile proprio come la fattura, ma che a differenza di quest’ultima funziona come metodo risolutivo di un eventuale errore.

Gestendo la fatturazione per la propria attività può capitare di commettere qualche errore. Nel momento in cui si nota l’errore è possibile risolvere emettendo note di debito.

Quando emettere note di debito

Le note di debito possono essere emesse nel caso in cui si noti:

  • un errore nella base imponibile;
  • un errore nel calcolo dell’imposta;
  • un errore nell’applicazione dell’aliquota IVA;
  • la mancanza di eventuali sconti che dovevano essere applicati al cliente.

In questi casi è possibile emettere un documento fiscale che consenta di correggere gli errori senza dover emettere una nuova fattura. Le note di debito rientrano a far parte delle cosiddette note di variazione. Queste ultime possono essere di debito o di credito a seconda dell’importo da correggere in fattura.

Note di debito: definizione

Vediamo nello specifico cosa sono le note di debito. Si tratta di documenti fiscali che hanno il compito di correggere l’importo scritto in fattura precedentemente emessa nel caso in cui questo sia inferiore rispetto a quello pattuito con il cliente. In questo caso si procede aumentando l’IVA.

Cerchiamo di capire in quali casi specifici va emessa una nota di debito.

Quando emettere le note di debito

Tale tipologia di nota di variazione deve essere emessa solo a patto che in precedenza sia stata emessa una fattura con importi inferiori rispetto a quelli pattuiti con il cliente. Il modo in cui si corregge l’errore consiste nel integrare la base imponibile aumentando l’IVA.

Nel caso in cui si faccia uso di strumenti di fatturazione elettronica, le note di debito possono essere emesse nel caso in cui la fattura iniziale sia stata già inviata e accettata dal Sistema di Interscambio. Nel caso in cui invece la fattura non sia stata ancora recepita è possibile correggerla senza dover emettere note di debito.

Di seguito vediamo quali sono le situazioni più comuni in cui emettere note di debito:

  1. Errori di importo in fattura
    In alcuni casi può capitare di segnare un importo inferiore rispetto a quello concordato. O in altri casi può accadere di calcolare erroneamente l’iva. Invece di annullare la fattura già emessa è possibile risolvere creando le note di debito.
  2. Errori di tipo logistico: nel caso in cui venga consegnata una quantità di merce eccedente rispetto al concordato.
  3. In caso di storno.

Differenza tra nota di debito e fattura

Iniziamo col dire che entrambi sono documenti fiscali e quindi entrambi devono essere registrati nel registro delle fatture emesse.

Un altro punto che hanno in comune le due consiste nel fatto che sia la nota di debito, sia la fattura servono per regolare la vendita di beni o servizi; per questo motivo hanno una forma simile ma un contenuto differente.

La fattura consente di mettere agli atti l’erogazione di un servizio o la vendita di un prodotto una volta completata l’operazione di acquisto con il cliente. Una fattura conterrà quindi i dati del venditore, le specifiche relative ai beni acquistati e i prezzi unitari nonché l’importo complessivo della vendita.

La nota di debito invece viene emessa solo nel caso in cui sia necessario operare una correzione relativa agli importi segnati in fattura.

Differenza tra nota di debito e nota di credito

Un’altra differenza da analizzare è quella tra nota di debito e nota di credito.

Entrambe questi documenti appartengono alla classe delle note di variazione. Ci riferiamo quindi a documenti grazie ai quali è possibile correggere eventuali errori in fattura dopo la sua consegna al destinatario. La principale distinzione tra le due note sta nella tipologia di variazione che viene segnalata.

  • La nota di debito consente una variazione in aumento
  • La nota di credito invece rappresenta una variazione in diminuzione.

Inoltre è possibile evidenziare anche altre differenze tra le due tipologie di nota:

  • Le note di credito sono facoltative poiché emetterle consente alla società di non pagare più del necessario ma non è un adempimento obbligatorio per l’Agenzia delle Entrate.
  • Le note di debito sono obbligatorie per legge. Infatti se ci si rende conto di aver inserito un importo inferiore è necessario correggere l’errore immediatamente poiché non facendo così si genererebbe un danno all’Erario.

Gestire note di debito con gestionale di magazzino

Per gestire al meglio le tue note di debito e la tua fatturazione, ti consigliamo di utilizzare un software gestionale come Softshop. Softshop ti permette di gestire facilmente le note di debito, generare report dettagliati e monitorare l’andamento delle tue entrate e uscite. Inoltre, Softshop è personalizzabile per soddisfare le esigenze specifiche del tuo business e ti aiuterà a evitare gli errori di fatturazione. Non aspettare più, acquista ora Softshop per gestire al meglio le tue note di debito e la tua fatturazione.

Ti potrebbe interessare anche: Cos’è la nota di credito? E quella di debito?

Leggi anche questo articolo