Lean Canvas: cos’è? Come è strutturato?

autore articolo Veronica Balzano data articolo 22 Aprile 2022 commenti articolo 0 commenti

Lean Canvas è una piattaforma per gli imprenditori per sviluppare la loro idea di startup attraverso l’approccio Lean Startup. Permette loro di lavorare sulla risoluzione di problemi/soluzioni, lo sviluppo di prodotti e mercati, poi lo scaling up se necessario, con tutti i passi fatti in modo efficiente senza sprecare troppo tempo o denaro lungo la strada – ha davvero senso quando si usa questa struttura!

Il Lean Model Canvas è un adattamento del Business Model canvas di Alexander Osterwalder. È stato inventato da Ash Maurya e descritto nel libro “Running Lean”, dove descrive come può aiutare gli imprenditori a testare le loro idee in modo efficiente mantenendole più snelle di prima con cicli di iterazione più veloci tra le fasi di test di convalida che dovrebbero portare a risultati complessivamente più di successo!

Il principio alla base di Running Lean può aiutare gli imprenditori a definire quali sono le funzionalità chiave di cui hanno bisogno fin da subito, in modo che non ci siano sorprese lungo la strada, risparmiando tempo e risorse come il denaro (che non è necessariamente ancora disponibile).

Lean Canvas: struttura

Il Lean Canvas è come il Business Model canvas, ma invece di quattro blocchi, potrete riempirne nove.

lean canvas

Con la necessità di trovare risposte che il Business Model Canvas da solo non può fornire, è nato il Lean Canvas. Consiste di nove blocchi e questi sono stati creati per un’analisi rapida con un unico obiettivo in mente: Avere un modo semplice per ottenere informazioni sui bisogni della tua azienda senza avere prima studiato altre fonti come la Value Proposition
Il desiderio dietro questa nuova invenzione derivava dal volere qualcosa di più efficiente di altri prima di esso, che avrebbe fatto risparmiare tempo, pur fornendo risultati di qualità quando si decideva quale tipo (o stile) di business dovesse essere gestito.

Nuovi blocchi

Alla struttura del Lean Canvas sono stati aggiunti alcuni blocchi come detto.

Problema e soluzioni:

Molte nuove startup falliscono perché sprecano tempo, denaro e sforzi per costruire il prodotto sbagliato. Questo è un problema di capire cosa vogliono i clienti piuttosto che inventare qualcosa che la gente non ha mai chiesto in vita sua! Per esempio: se non hai nessuna conoscenza su come risolvere questo “problema”, allora è molto probabile che nessuno sarà interessato o accetterà la tua soluzione come valida.

Metriche:

Ci sono sempre molti dati da considerare quando si crea un prodotto, e si rischia di perdere l’attenzione su quelli veramente essenziali. Il nuovo modello si concentra su una metrica particolare: iniziare i progetti con successo con idee convalidate che forniscono valore ai clienti immediatamente o entro i primi 30 giorni dalla data di lancio (questo include sia il B2B che il B2C). Non identificare le metriche chiave può portare ad una chiusura prematura prima che il successo del cliente sia stato raggiunto.

Vantaggio competitivo:

Il vantaggio competitivo e le barriere all’entrata sono cruciali per ogni modello. È raro trovare idee di progetto che non abbiano una sorta di forza sleale, ma questo le rende ancora più preziose quando il tuo business cresce in qualcosa di successo con le sue qualità uniche.
Mentre crei un tipo o un altro (idea di startup), può essere difficile identificare ciò che rende la tua diversa dalle altre – ma non preoccuparti! Ecco perché ci sarà sempre bisogno di tempo speso a lavorare sullo sviluppo di questi punti di forza prima che si manifestino pienamente.

Blocchi eliminati dal vecchio modello Canvas

Sono stati eliminati altrettanti blocchi. Infatti i 4 blocchi che abbiamo appena spiegato entrano in sostituzione di altri a loro volta.

Questi sono:

Attività chiave:

Il nuovo modello è molto più semplice, e rimuove un blocco che era inutile in primo luogo. Le attività devono provenire da blocchi di soluzioni dopo i test sul mercato, perché spesso c’erano frasi come “acquisizione di clienti” o “sviluppo di piattaforme”, che ora possiamo considerare scontate senza una vera ragione logica e senza alcun dettaglio sulla motivazione dietro di esse!

Risorse chiave:

Internet ha cambiato il gioco quando si tratta di costruire prodotti, poiché ci sono così tanti strumenti disponibili che non è necessaria una risorsa fisica o intellettuale. Affinché noi (imprenditori) possiamo creare il nostro prodotto e commercializzarlo, abbiamo solo bisogno di una connessione internet con tutti questi sistemi a disposizione online al giorno d’oggi.

Relazione con il cliente:

Il fondatore, Maurya dice che non c’è relazione migliore o diversa di quella diretta con il tuo cliente – indipendentemente dal fatto che tu voglia creare per loro direttamente di persona sul posto a casa loro (door step) rispetto ai canali di vendita come il bussare alla porta dove diventa subito chiaro che tipo di connessione si formerà tra te e il cliente mentre si stabilisce anche la fiducia – che porta a costruire relazioni durature basate su questa base!

Partner chiave:

L’esitazione del creatore in quest’area lo ha portato a sostituire un blocco sulla nostra mappa originale con uno nuovo- le partnership possono essere preziose quando siamo ancora “sconosciuti”, ma fare questo tipo di mosse troppo velocemente potrebbe portarci ad un calcolo inefficiente che non tiene conto dei potenziali rischi o costi associati a tale processo decisionale.

Ti potrebbe interessare anche: Cos’è il Business Model Canvas? Scopriamolo insieme!