Impresa familiare : cos’è

autore articolo Veronica Balzano data articolo 24 Dicembre 2022 commenti articolo 0 commenti

Impresa familiare: cos’è come si costituisce? Si tratta di una delle forme che può assumere un’impresa. Questa si definisce quando a prendervi parte alla sua costituzione sono membri della medesima famiglia. Di solito in questo tipo di impresa collaborano i familiari dell’imprenditore sotto diversi ruoli. Si può essere soci alla pari oppure soci minoritari, ma vediamo insieme alcune delle caratteristiche fondamentali di questo tipo di impresa.

Una delle sfide più grandi per un’impresa familiare è quella di mantenere un equilibrio tra gli interessi della famiglia e quelli dell’impresa. A volte, le questioni personali possono interferire con le decisioni aziendali e creare tensioni tra i membri della famiglia. È per questo che è importante avere una solida organizzazione e una chiara divisione dei ruoli all’interno dell’impresa familiare.

Per aiutare a gestire queste sfide, un software di gestione magazzino come Softshop può essere un’ottima soluzione. Con questo programma, è possibile automatizzare molte delle attività di gestione del magazzino, rendendole più efficienti e precise. Ciò può aiutare a ridurre i conflitti e a migliorare la collaborazione all’interno della famiglia. Inoltre, Softshop offre una facile modalità di gestione che consente un uso intuitivo e veloce, rendendolo adatto anche per chi non è esperto in informatica.

Impresa familiare

Tale impresa è disciplinata dall’art. 230 bis del codice civile, in virtù del quale si sancisce un’impresa di questo tipo quando il collaboratore presta lavoro in modo continuativo ad un membro della sua famiglia o a più membri di essa. Tale denominazione non vale nel caso in cui ci sia un contratto da prestazione occasionale di lavoro.

A questo proposito, l’articolo 230 bis recita che

Il familiare che presta in modo continuativo la sua attività di lavoro nella famiglia o nell’impresa familiare ha diritto al mantenimento secondo la condizione patrimoniale della famiglia e partecipa agli utili dell’impresa familiare ed ai beni acquistati con essi nonché agli incrementi dell’azienda, anche in ordine all’avviamento, in proporzione alla quantità e alla qualità del lavoro prestato.

N.B.

Questo tipo di impresa è identificata giuridicamente come un’impresa individuale. Vi sarà quindi sempre un imprenditore sul quale ricadranno tutti i rischi e le finali capacità esecutive.

Quali sono i familiari che fanno parte di un’impresa familiare

Impresa familiare

  • il coniuge;
  • parenti fino al terzo grado, quindi:
    • in linea retta: i genitori, figli, nonni, nipoti e pronipoti;
    • in linea collaterale: gli zii, i fratelli, i nipoti.
  • parenti affini fino al secondo grado (come suoceri, nuore, generi, cognati).

Diritti

Vediamo quali sono i diritti che spettano a questi familiari in quanto membri di un’impresa:

  • diritto al mantenimento della famiglia;
  • diritto a partecipare agli utili nonché agli incrementi dell’azienda, ma sempre in proporzione alla quantità e alla qualità del lavoro prestato;
  • diritto ad usufruire dei beni acquistati con gli utili dell’impresa familiare.

Gli altri diritti, non di natura economica:

  • diritto a poter prendere parte a processi decisionali circa gli usi a cui destinare gli utili dell’azienda;
  • diritto di partecipare alle decisioni circa la gestione straordinaria dell’azienda;
  • diritto di prelazione qualora vi sia divisione ereditaria o trasferimento dell’azienda.

Come si costituisce

Costituire questo tipo di impresa richiede non solo la sottoscrizione di un atto pubblico, ma mantenere anche un comportamento adatto. E’ necessario quindi che vi sia un contratto stipulato per iscritto con una scrittura all’interno della quale siano presenti i seguenti punti:

  • l’indicazione dei familiari partecipanti;
  • l’indicazione del rapporto di parentela o di affinità con l’imprenditore;
  • la sottoscrizione dell’imprenditore e dei partecipanti.

E sotto un punto di vista fiscale? La partecipazione al reddito deve essere direttamente proporzionale alla qualità e alla quantità del lavoro che un familiare fornisce all’impresa. Le quote che spettano a ciascun collaboratore non possono eccedere il 49% a fronte del 51% detenuto dall’imprenditore.

Vantaggi e svantaggi

Prima di tutto vediamo quali sono i vantaggi che ha questo tipo di impresa. Sicuramente i costi di questo tipo di impresa non sono molto impegnativi. Il fatto di poter dividere il reddito con i propri familiari da alla famiglia la possibilità di lavorare bene per raggiungere lo stesso scopo e quindi favorire il successo aziendale.

L’impresa familiare presenta molti vantaggi, tra cui i costi ridotti e la possibilità di dividere il reddito con i propri familiari. Ma per avere successo in un’impresa familiare, è importante avere una solida organizzazione e una chiara divisione dei ruoli. In questo modo, è possibile evitare conflitti e migliorare la collaborazione all’interno della famiglia.

Un software di gestione magazzino come Softshop può aiutare a gestire al meglio l’impresa familiare, automatizzando molte delle attività di gestione del magazzino e rendendole più efficienti e precise. Softshop offre una facile modalità di gestione che consente un uso intuitivo e veloce, rendendolo adatto anche per chi non è esperto in informatica.

In conclusione, se avete un’impresa familiare e volete migliorare la vostra organizzazione e la collaborazione all’interno della famiglia, Softshop è un’ottima soluzione. Non aspettate oltre e acquistate subito questo software gestionale per il vostro magazzino, vi aiuterà a gestire al meglio la vostra impresa familiare e raggiungere il successo aziendale.

Inoltre questo tipo di impresa si presta bene alle piccole realtà e ai piccoli progetti imprenditoriali.

Circa gli svantaggi potremmo dire che il principale punto a sfavore di questo tipo di impresa sta nel fatto che tutti i rischi e tutte le responsabilità effettive ricadono su un unico membro. Ad esempio nel caso in cui la società abbia contratto dei debiti, i collaboratori non rischiano di vedere intaccato il loro patrimonio.

Ti potrebbe interessare anche: Microimpresa: definizione e requisiti

Leggi anche : https://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/impresafamiliare