Microimpresa: definizione e requisiti

Veronica Balzano 7 Gennaio 2022 0 commenti

Oggi parleremo della microimpresa. Quali sono le sue caratteristiche di base? Quali i suoi requisiti essenziali? Sia che tu voglia avviare una micro, piccola o media impresa, ci sono molti vantaggi che ne derivano. In questo articolo cercheremo di fare del nostro meglio non solo per chiarire la differenza tra questi tre tipi di imprese, ma anche per rispondere a qualsiasi domanda su ciò che determina quale tipo di azienda rientra in base alle sue dimensioni.

microimpresa

In particolare ci soffermeremo sulle peculiarità di una piccola impresa a dispetto di altre tipologie di impresa.

Per poter condurre quest’analisi non si può però prescindere dal fare una distinzione tra le varie tipologie di impresa. Se vuoi avviare una piccola o media impresa, ci sono alcune cose che saranno diverse per il tuo business. Una di queste è la quantità di tempo e di sforzi necessari per ogni tipo di impresa; ma prima di addentrarci in ciò che queste differenze comportano parliamo prima di struttura! I tre tipi che ho menzionato prima (micro-, piccolo/medio-) hanno i loro propri layout.

Le piccole, medie e grandi imprese hanno tutte esigenze diverse. Per esempio, una piccola impresa può avere bisogno di comunicare con più di una persona alla volta, mentre le grandi aziende in genere gestiscono molte migliaia di conversazioni ogni giorno; ma cosa significano veramente questi termini? Per aiutare a chiarire le cose faremo del nostro meglio nelle prossime righe (e oltre) per definire tre tipi, soffermandoci soprattutto sulla microimpresa.

Media, piccola e microimpresa

Per ogni categoria elencata, vale la pena notare che entrambi i requisiti – come numero di persone e fatturato/ budget annuale – coesistono. Tuttavia ci si può chiedere: cosa significa questo? Per dare una risposta a questa domanda guardiamo prima la definizione di questi termini in dettaglio, prima di proseguire con un’ulteriore analisi su come si sovrappongono o si contraddicono tra loro durante il processo operativo di un’azienda

Le medie imprese sono quelle che impiegano tra 101 e 250 persone. Queste piccole imprese hanno un fatturato annuo inferiore a 50 milioni di euro, o il loro totale di bilancio non supera i 43 milioni di chilometri (48 milioni di dollari).

Le piccole imprese sono parte integrante dell’economia globale. Contribuiscono significativamente di più alla crescita economica rispetto alle grandi aziende, e possono essere altrettanto innovative!

Eccoci ora giunti alla definizione di microimpresa:

Secondo il dizionario Merriam-Webster: Una “microimpresa” ha meno di 10 dipendenti e un fatturato annuo/bilancio totale (in euro) entro i 2 milioni di euro.

Quali sono i requisiti di una microimpresa?

Iniziare un’attività non è facile, ma si può fare. La prima cosa da decidere quando si avvia la propria azienda sono i requisiti per la microimprenditorialità e poi lavorare per raggiungere questi obiettivi nel tempo, invece di pensare subito a grandi cose! Quindi potremmo affermare che i requisiti di una microimpresa sono alla base di qualsiasi altra tipologia di impresa.

Il budget aziendale è il fattore più importante quando si tratta di gestire la tua azienda. Hai bisogno di una certa somma per te e per tutti i membri dello staff, incluso te stesso se possibile (o almeno l’accesso) in modo che tutto possa andare liscio.
Per quanto riguarda la forza lavoro, il numero di dipendenti varia a seconda del tipo o dell’industria con cui lavorano, ma in generale le piccole imprese dovrebbero avere meno di 10 persone, mentre le aziende di medie dimensioni sarebbero tra 20 e 100 lavoratori.

Nello specifico:

  • Le aziende devono essere sempre attente alla loro forza lavoro. Questo significa assumere dipendenti e assicurarsi che siano iscritti all’albo dell’azienda con contratti che prevedano la dipendenza da vincoli, a meno che non si tratti di cassa integrazione straordinaria.
    Una forza lavoro è composta da lavoratori che lavorano almeno un giorno alla settimana come lavoro a tempo pieno o part-time dove non c’è abbastanza unità di lavoro all’anno ( ULA ) come fanno le economie stagionali.
  • Affinché un’azienda sia in regola con le norme contabili, deve soddisfare entrambi i requisiti. Il primo è che il fatturato annuo corrisponda alla voce A1 del loro conto economico di bilancio, mentre hanno anche abbastanza attività per ciò che è elencato sotto “attività”.

Ulteriori requisiti

Esempio:

Se un’impresa ha la maggioranza dei voti che possono essere espressi in un’assemblea ordinaria degli azionisti, allora può esercitare la sua influenza dominante su quest’altra impresa. In queste circostanze, le società avranno spesso accordi con i propri azionisti in modo da non interrompere le operazioni di business impegnandosi in manovre politiche per il controllo sulla posizione di leadership di un’altra azienda al suo interno.

Come hai visto, una piccola impresa ha parametri diversi dalle microimprese e come ho potuto chiarire attraverso questo articolo sui tipi di imprese che si possono avviare. Il primo passo per creare la propria azienda è trovare lo spazio dove sarà operativa.
Se l’edificio o l’ubicazione non sono un problema per te, allora ci sono altre considerazioni da fare per assicurarsi che tutto funzioni senza problemi, come i requisiti di elettricità, ecc…

Ti potrebbe interessare anche: Lean management: principi guida e tecniche per PMI