Finanziamento impresa: strumenti e tipologie

Veronica Balzano 14 Dicembre 2021 0 commenti

Cos’è un finanziamento impresa? Siamo qui oggi per addentrarci nel mondo del fisco e cercare di fornire qualche informazione circa cosa sia un finanziamento impresa e come esso sia strutturato. Esistono infatti diverse tipologie di finanziamenti e di seguito ne analizzeremo i vari caratteri.

Il finanziamento di un’impresa è fatto attraverso mezzi finanziari messi a disposizione dal proprietario o da terzi che finanziano il capitale (prestiti, pagamenti differiti ecc.). Ci sono molti tipi, ma generalmente questi si presentano in due forme principali: finanziamento del debito e partecipazione al capitale.

Quindi è chiaro che le aziende hanno bisogno di una fonte di risorse finanziarie per funzionare efficacemente e creare valore. Queste possono assumere la forma di investimento di capitale o di spese operative, con le aziende che spesso scelgono tra queste a seconda della loro situazione unica.
Il modo in cui finanziate il vostro business è cruciale perché determinerà il tipo di infrastruttura e i costi delle attrezzature che accompagnano le operazioni quotidiane – senza denaro da qualche altra parte non ci sarà abbastanza carburante disponibile per questa macchina chiamata ‘azienda’!

Come si fa a sapere quale fonte di finanziamento scegliere? Ce ne sono così tante là fuori e può essere difficile scegliere tra loro. Ma se la tua azienda non ha i mezzi finanziari, allora stanziare troppo da un’area può portare in una questione di tempo in cui quei terzi arriveranno più in alto di quello che vediamo attualmente nei nostri bilanci (patrimonio netto).

In questo articolo andremo ad evidenziare le principali fonti di finanziamento impresa.

Fonti di finanziamento struttura: cosa sono?

L’obiettivo finale per qualsiasi azienda è di essere finanziariamente stabile. È importante trovare il giusto mix tra le varie fonti di finanziamento e assicurarsi che tutto funzioni bene insieme in modo da poter rimanere a galla nei momenti difficili, come quando ci sono meno clienti o più concorrenza del previsto!

Quali sono allora le caratteristiche principali degli strumenti di finanziamento?

  • omogeneità: Il tipo di finanziamento che è meglio per le vostre esigenze dipenderà da quanto tempo avete intenzione di tenere la proprietà. Un prestito a breve termine potrebbe non essere appropriato se sta andando in un investimento come quello immobiliare perché allora ci sarebbe probabilmente bisogno di almeno un certo grado o stabilità per assicurarsi che tutto funzioni bene dopo che il pagamento è stato fatto dai mutuatari!
  • flessibilità: La capacità di modificare la struttura finanziaria in relazione agli eventi aziendali è molto importante. È necessario per un’azienda o un individuo che ha più di una fonte e uso di denaro, in modo da poter tenere traccia di quale conto dovrebbe essere usato in un dato momento e mantenere comunque l’equilibrio tra gli usi/fonti senza imbattersi in troppi problemi come spendere troppo per oggetti quando qualche altro tipo era stato desiderato ma non disponibile a causa di una spesa precedente prima che ci fossero avanzi di risorse da progetti precedenti;
  • elasticità: L’azienda ha più libertà di prendere decisioni quando si tratta delle sue finanze.
  • economicità: È possibile fare soldi riducendo il costo del capitale proprio o di terzi. In altre parole, si dovrebbe cercare di reinvestire ogni risparmio per fare più profitto!

Tipologie di finanziamento impresa

Ora che siamo nel fulcro del nostro discorso circa il finanziamento impresa non possiamo fare altro che individuare quali siano le principali tipologie di finanziamento impresa.

Possiamo generalmente distinguere:

  • Finanziamenti a titolo di capitale proprio  (aumenti di capitale sociale);
  • Finanziamenti a titolo di capitale di terzi (finanziamenti, prestiti, dilazioni di pagamento concesse ai fornitori).

Finanziamento impresa a titolo di capitale proprio

Nel caso di finanziamento impresa a titolo di capitale proprio possiamo dire: Il capitale sociale rappresenta il valore dei contributi fatti dai proprietari dell’azienda dalla sua nascita. Le riserve possono essere versate sia attraverso un altro ciclo di finanziamento sia attraverso gli utili accumulati che devono ancora essere distribuiti tra gli azionisti (autofinanziamento). Il patrimonio netto è composto principalmente da due componenti: acquisti di azioni e fondi di riserva non distribuiti. Gli aumenti di capitale possono essere e gratuiti e a pagamento. Gli aumenti gratuiti di capitale sociale sono disciplinati dall’articolo 2442 cc.

In questo caso la legge prevede che l’assemblea possa decidere di aumentare il capitale destinando eventuali riserve e altri fondi iscritti in bilancio come disponibili.

Nel caso di aumento di capitale a pagamento si genera un aumento del patrimonio sociale per effetto dei conferimenti.

Finanziamento impresa a titolo di capitale di terzi

Le aziende che hanno bisogno di finanziarsi non dovrebbero rivolgersi solo ai propri fondi, ma anche i finanziamenti di terzi sono essenziali per far partire l’azienda.
C’è bisogno di un equilibrio tra ciò che viene dall’interno e dall’esterno di un’organizzazione; altrimenti ci sarà sempre la sensazione che qualcosa non è del tutto giusto per qualsiasi impresa commerciale – e questo contribuisce molto al successo!

Questi possono essere:

  • Finanziamenti a medio lungo termine erogati da istituti finanziari
  • Il leasing finanziario
  • Emissione di prestiti obbligazionari
  • Lo smobilizzo di crediti
  • Anticipo fatture
  • Portafoglio salvo buon fine
  • Le ricevute bancarie
  • Lo sconto di cambiali
  • Il factoring

Garantire l’equilibrio di un’impresa

Lo scopo delle finanze aziendali è quello di creare ricchezza a lungo termine. Affinché questa strategia funzioni, è importante che le fonti utilizzate siano intese come dispositivi di finanziamento con rendimenti stabili nel tempo – come iniezioni di capitale azionario o di terzi da parte di investitori che vogliono una quota di proprietà nella vostra crescita aziendale, invece che solo profitti rapidi attraverso prestiti che spesso possono condurli a più debiti se le cose non vanno secondo i piani (cosa che di solito accade).

Quando un’azienda si trova in difficoltà finanziarie, può rivolgersi agli strumenti giusti per le sue necessità. Questi possono essere sia prestiti o altri contratti che permetteranno loro di espandersi in caso di necessità e prevenire l’estinzione per crisi di mercato
Credo che questo passaggio mostri come sapere quali tipi/tipi di obblighi finanziari si hanno durante le diverse fasi potrebbe aiutare le aziende ad evitare il fallimento quando i tempi si fanno duri, perché non c’è via d’uscita senza avere già qualche forma di totalità risparmiata!

Ti potrebbe interessare anche: Accedere ai finanziamenti fondo perduto