Efficienza aziendale: di cosa si tratta?

Veronica Balzano 12 Novembre 2022 0 commenti

Efficienza aziendale. Quando pensiamo al raggiungimento di un obiettivo aziendale è necessario considerare alcuni fattori come ad esempio l’efficienza aziendale, connessa anche all’efficacia aziendale. In questo articolo cercheremo di capire di cosa si tratta, quali sono le differenze e come migliorare l’efficacia aziendale.

Efficienza aziendale: definizioni

I termini efficienza e efficacia derivano entrambi dal vero efficiere, il quale significa portare a termine qualcosa. Quindi per molte questioni i due termini sembrano essere interscambiabili, ma in un contesto aziendale possono invece sottolineare alcune differenze.

  • Efficacia: attitudine di un’impresa a raggiungere un obiettivo
  • Efficienza: capacità di raggiungere l’obiettivo servendosi delle giuste risorse.

Quando entrano in essere questi due concetti? Sicuramente si parla di efficienza aziendale e efficacia in fasi di pianificazione e controllo. Quando ad esempio si redige un business plan questi concetti devono essere sicuramente presi in considerazione.

Caratteristiche dei concetti

L’efficacia e efficienza aziendale sono questioni a loro volta influenzate da alcuni elementi. Prima di tutto si deve considerare la tipologia di azienda alla quale si associano questi concetti. In particolare da qui deriva il tipo di scopo per cui è stata creata l’azienda e la tipologia di organizzazione. Quindi è chiaro che molto è connesso al raggiungimento di un obiettivo chiaro; per questo motivo, di solito all’interno di un business plan verranno menzionati concetti come questi di efficacia e efficienza.

Un’altra questione che caratterizza tali concetti riguarda il tipo di obiettivo che si vuole raggiungere. Infatti, è possibile scegliere un traguardo diverso per ogni tipologia di azienda, poiché è chiaro immaginare che in base alle esigenze di ciascuna mission aziendale l’efficacia di un piano cambierà di volta in volta.

Inoltre non si dovrà dimenticare di considerare anche il target di clienti a cui si rivolge l’azienda poiché in base a questa questione si potranno analizzare e considerare diverse risorse utili per raggiungere l’efficacia e l’efficienza aziendale.

Verificare l’efficacia e l’efficienza aziendale

Come fare per verificare se un’impresa assolve ai compiti secondo i concetti appena spiegati? Sicuramente è necessario poter affidare a qualcuno questo tipo di attività di verifica. Di solito questo compito spetta al controller nel controllo gestione. Non sempre si sente parlare di questa figura, infatti varia in base a tante questioni. Ad esempio nelle società più piccole non c’è bisogno di implementare una simile figura, piuttosto si occuperà di ciò l’imprenditore stesso.

In società più grandi invece, il compito di individuare dati necessari per l’identificazione dell’andamento dei vari processi aziendali sarà attribuito a specifici
Questa figura varia in base alla tipologia di struttura dell’impresa. Infatti nelle società di piccole dimensioni sarà lo stesso imprenditore e proprietario a controllare il raggiungimento degli obiettivi e l’efficienza dei processi per realizzarli.


Nelle imprese di media grandezza, si potrà nominare una figura che è strettamente connessa ai ruoli dirigenziali e che avrà il compito di individuare i dati necessari a identificare l’andamento dei singoli processi aziendali in base alla loro efficienza ed efficacia.

Come incrementare efficacia e efficienza aziendale?

A fronte di quanto detto è sicuramente possibile implementare delle strategie utili affinché si migliori l’efficienza e l’efficacia aziendale.

Vediamo quali sono i passaggi da compiere:

  • Definire obiettivi: è necessario definire quali siano gli obiettivi che si vogliono raggiungere cercando di focalizzarsi su specifici punti. La scelta degli obiettivi dovrà essere concreta e realistica così da poter produrre risultati validi.
  • Dopo aver scelto gli obiettivi ai quali puntare è necessario mettere in atto delle strategie aziendali che permettano di raggiungere i focus prefissati. In particolare, in questa fase si dovrà gestire il coordinamento all’amministrazione organizzativa, nonché impostare le operazioni di marketing e vendita.
  • Gestione delle risorse: In questo momento è necessario anche gestire le risorse nel modo più funzionale possibile. Infatti, una buona predisposizione delle risorse è necessaria al fine del funzionamento di tutto l’assetto organizzativo dell’azienda.
  • Coordinamento delle funzioni aziendali: Anche questo aspetto non può essere trascurato. Infatti la mancanza di coordinazione tra le varie sezioni aziendali potrebbe causare insuccessi, in particolare, la perdita di qualche potenziale obiettivo.

Come misurare efficacia e efficienza aziendale

Per ciò che riguarda l’efficienza si potranno considerare i seguenti fattori:

• quantitativi: ci riferiamo in questo caso, al processo produttivo. In particolare con l’impiego di risorse umane, quello tecnologico e le tempistiche necessarie al raggiungimento di un obiettivo.
• Fattori valutativi: si identificheranno le attività svolte in base ad alcuni valori come il volume di vendite, il numero di prodotti resi e il controllo di qualità.
• Valore acquisito: si considerano i processi aziendali dal punto di vista del valore creato, in particolare con l’ottenimento di un prodotto o di un servizio in rapporto ai costi sostenuti.

L’efficacia invece potrà essere misurata in base al parametro del rendimento.

Ti potrebbe interessare anche: Gli errori da evitare nella gestione della propria azienda