Come fare Corporate Storytelling su un business plan.

autore articolo admin data articolo 27 novembre 2017 commenti articolo 0 commenti

corporate storytelling, storytelling, business plan

Metti che sei un imprenditore navigato o un giovane startupper e devi convincere la banca/stakeholder di turno a concederti un finanziamento. Ecco, il corporate storytelling a.k.a. “la storia della tua impresa” serve proprio a questo: a mostrare ai finanziatori chi sei e (indirettamente) perché dovrebbero concedere un prestito proprio a te.

E no, non bastano dati e numeri, ma devi far scorgere l’anima della tua impresa. Certo dovrai farlo coi tecnicismi da business plan, ma ciò che conterà sarà la sostanza di chi sei, come sei arrivato fin qua e cos’hai da dire

Il management

Inizia innanzitutto col presentare il management, ossia chi sono i titolari, chi i soci, chi i tuoi collaboratori. Descrivi ogni reparto della tua impresa (ufficio marketing, ufficio diritti, HR…) e da ogni reparto fai emergere i tuoi collaboratori con le loro skills ed esperienze professionali più rilevanti. Se tu e/o i tuoi collaboratori siete giovani startuppers e di esperienza né avete poca o nulla fate leva sulla vostra formazione e le vostre qualità e competenze.

Lo scopo della tua impresa

Il secondo punto, si focalizzerà sul bisogno che la tua impresa intende colmare. Attenzione, però: l’esposizione del problema dovrà essere breve, non più lunga di una slide. Il vero focus sarà sulla tua impresa, sul perché esiste e su come quel problema intende risolverlo. Con onestà e altrettanta professionalità devi anche spiegare perché la tua soluzione è migliore di quella dei tuoi concorrenti.

Prove concrete a supporto della tua impresa

Il terzo step è supportare la tua idea di business con dei dati concreti alla mano. Mostra ai finanziatori come il tuo prodotto/servizio sia stato progettato, testato ed eventualmente acquistato dai tuoi clienti. Se esso è andato incontro a modifiche rispetto al prototipo allega documenti che le dimostrino. Dimostra l’esperienza sul campo del tuo prodotto, gli eventuali errori di valutazione e cosa essi ti hanno insegnato.

Legame emozionale fra cliente e prodotto

Un tocco in più al tuo storytelling è mostrare come il tuo prodotto servizio abbia fidelizzato la tua clientela. Punta sul legame emozionale che esso ha instaurato con gli utenti, specificando se essi ne sono legati per ragioni di status, per le sensazioni piacevoli o per i valori positivi che esso evoca.

Stime di guadagni e perdite

E dopo il fattore emozionale si scende nel concreto, nei dati, nei numeri. Per convincere i tuoi finanziatori cerca di fornire loro stime realistiche delle spese che affronterai e dei guadagni che la tua impresa genererà. I numeri sono importanti per convincere gli stakeholders a concederti i fondi senza rischi.