Cliente che non paga che fare

autore articolo Veronica Balzano data articolo 24 Dicembre 2022 commenti articolo 0 commenti

Un cliente che non paga è una questione abbastanza comune che riguarda molti imprenditori, o negozianti. Si tratta di una situazione abbastanza sgradevole la quale deve essere fronteggiata in modo pratico e funzionale. In questo articolo vogliamo proporvi qualche consiglio per gestire al meglio una simile situazione.

Qualsiasi impresa si è trovata almeno una volta a dover avere a che fare con dei clienti non paganti. Le motivazioni che ci sono dietro il mancato pagamento di un servizio o un bene possono essere diverse e di solito, in base a queste, è necessario agire in un modo piuttosto che in un altro.

Quindi, una delle prime cose da fare è armarsi di pazienza, e successivamente identificare il motivo per il quale il cliente non paghi.

Vediamo di seguito quali sono alcune delle possibili opzioni da prendere in considerazione quando un cliente non paga.

Cliente che non paga

Cliente che non paga

Quali le possibili soluzioni da prendere in considerazione?

  • Il sollecito è sicuramente una soluzione. Si può sollecitare un cliente non pagante ad adempiere al suo dovere sia verbalmente sia di persona, sia in forma scritta. A seconda del tipo di rapporto che si ha con il cliente e a seconda del tipo di “debito” che quest ultimo ha contratto, l’imprenditore o l’impresa può scegliere la strada d’azione che più gli è congeniale. Di solito, se si tratta di un cliente che solitamente paga tutto entro i tempi è possibile anche sollecitarlo esclusivamente a voce. Nel caso in cui invece ci si trova difronte ad un cliente abbastanza difficile e ritardatario nei pagamenti è consigliabile optare per una soluzione più d’impatto.

Può accadere che il solo sollecito verbale o per iscritto non possa però essere sufficiente. In quel caso è consigliabile proseguire per vie legali. Ovviamente, prima di arrivare a compiere una simile azione sarebbe meglio inviare una raccomandata e se anche in quel caso non si dovesse ottenere un pagamento si consiglia di procedere legalmente.

Il sollecito in tutte le sue forme è sicuramente il modo più adatto per invitare un cliente a pagare. Ma vediamo quali sono gli atteggiamenti da assumere in simili situazioni.

Cliente che non paga: Che atteggiamento assumere?

Cliente che non paga

Se un cliente ritarda con i pagamenti si pensa istintivamente di essere legittimati a perdere le staffe. In realtà questo è un atteggiamento poco costruttivo. Il consiglio principale è quello di cercare di mantenere la calma. Assumere un atteggiamento distaccato e paziente potrebbe aiutarvi nella vostra impresa di recupero credito.

Cliente che non paga

Qualora il cliente in questione dimostri un’effettiva incapacità nel saldare il proprio debito si potrebbe pensare di proporgli una soluzione di pagamento alternativa. In questi casi proporre un dilazionamento della cifra in questione potrebbe essere un’idea davvero funzionale.

Ovviamente questo tipo di proposta non deve essere fatta a tutti. Un buon imprenditore sa sempre se ha a che fare con un cliente rispettoso o con un cliente “chiacchierone”. Nel caso la relazione sia con un cliente di qualità è possibile agire in modo tale che quest ultimo possa sentirsi a proprio agio. In ogni caso bisogna sempre ricordare che nel rapporto venditore cliente devono esserci sempre dei ruoli a cui portar rispetto. Evitate che il cliente si approfitti della vostra disponibilità!

La comunicazione è la chiave

Cliente che non paga

Di qualsiasi natura sia la situazione nella quale vi trovate è importantissimo scegliere il giusto tono comunicativo.

Essere molto chiari nel momento in cui si comunica qualcosa ai propri clienti è la base per una relazione sana e costruttiva. Quindi, imparare a gestire la comunicazione al meglio è fondamentale.

Un consiglio valido potrebbe essere quello di specificare per iscritto quali siano i termini di pagamento, richiedere un acconto, proporre la possibilità di frazionare i pagamenti più consistenti, oppure offrire scontistiche speciali a chi paga in anticipo.

Insomma, questi sono alcuni dei provvedimenti e/o azioni preventive che possono essere messi in atto in caso di pagamenti ritardati.

Ti potrebbe interessare anche: Un socio è inaffidabile? Come capirlo?

Leggi anche: https://www.unioncamere.gov.it/crediti-commerciali-insoluto-riscossione