Quasi metà degli utenti internet ha paura delle banche online

autore articolo admin data articolo 30 ottobre 2015 commenti articolo 0 commenti

Secondo un sondaggio internazionale di Kaspersky Lab e B2B, la metà (46%) degli utenti di Internet ha ancora paura delle banche online e ritiene che rivolgersi direttamente allo sportello fisico sia più sicuro che farlo online.

 

La maggior parte delle persone fa alcuni pagamenti on-line, ma non si preoccupa di prendere misure di sicurezza anche di base, mettendo a rischio i suoi soldi e la reputazione delle banche.

L’indagine mostra che un numero significativo di utenti (49%) si sente vulnerabile quando si effettuano transazioni finanziarie on-line in genere. Inoltre, più della metà (54%) ha risposto di credere che effettuare i pagamenti direttamente in negozio sia più affidabile che farlo on-line, e il 46% ritiene che le operazioni bancarie fatte di persona siano più sicure che farle online.

Tuttavia, nonostante la paura delle banche online, la maggior parte degli utenti di Internet effettua pagamenti on-line: il 79% degli intervistati ha utilizzato il proprio computer per effettuare questo tipo di pagamenti, il 52% utilizza il proprio tablet, il 45% utilizza il proprio smartphone, e il 12% dei proprietari di una Smart-TV ha ammesso di usarla per eseguire tali operazioni.

Allo stesso tempo, secondo il sondaggio, uno su cinque utenti non fa nulla per proteggere i propri dati finanziari on-line.

“E ‘essenziale che le banche investano in tecnologia della sicurezza per garantire un ambiente di banking sicuro per i propri clienti. Questo approccio non solo rafforzerà la fiducia presso i clienti che preferiscono fare ancora i loro depositi nelle filiali, ma ridurrà anche il rischio di avere dei clienti trascurati che altrimenti potrebbero perdere importanti dati finanziari “, ha detto Ross Hogan, Global Director della divisione per la Prevenzione delle frodi presso il Kaspersky Lab.

Una soluzione a questo problema è KasperskyFraudPrevention, piattaforma di protezione a più livelli che è stata progettata specificamente per le banche.

 

In questo modo i dati finanziari sui dispositivi dei clienti saranno al sicuro, aumentando la fedeltà degli utenti e riducendo i rischi che la banca debba svolgere inchieste sugli incidenti, pagare indennizzi, e ripristinare la loro reputazione dopo una violazione della sicurezza.

La piattaforma dovrebbe essere in grado di proteggere il proprietario che esegua operazioni bancarie da qualsiasi dispositivo, sia esso un computer con Windows o Mac o uno smartphone o tablet, Android o iOS.