Interessi moratori cosa sono e come si calcolano

Veronica Balzano 15 Novembre 2022 0 commenti

Cosa sono gli interessi moratori? Come si calcolano? Ecco una guida utile per comprendere cosa siano questi interessi di mora.

Interessi moratori: cosa sono

interessi moratori

Prima di tutto è importante dire che si tratta di sanzioni applicate nel contesto del discorso sulla partita iva e i regimi fiscali. Una qualsiasi azienda che è obbligatoriamente in possesso di partita iva deve necessariamente conoscere cosa si intenda con il termine interessi di mora. Nello specifico si tratta di sanzioni destinate ai debitori ritardatari di pagamento.

Andando più affondo in una definizione potremmo dire che si tratta di strumenti tutelativi mediante i quali la banca assicura il pagamento di tasse da parte dei contribuenti. La mora non è altro che una multa che deve essere pagata dai clienti che non rispettano i termini di un pagamento. Si tratta di una forma di interesse calcolato sulla cifra da versare. Il tasso di mora non è sempre lo stesso in tutte le banche, anzi, esso dipende dal modo in cui queste concepiscono gli interessi moratori.

Come si calcolano gli interessi moratori?

Esiste una formula matematica con la quale è possibile provvedere al calcolo degli interessi di mora. Questa formula è pressocchè sempre la stessa. E si propone come moltiplicazione dell’importo dovuto, il tasso di mora e il numero di giorni di interessi maturati. Generalmente all’interno di questa formula figura sempre il numero 365 che sta ad indicare il numero dei giorni dell’anno.

Al di là di questa formula univoca è bene ricordare che ogni banca matura un tasso di interesse differente. Ognuno ha una propria politica di trattamento dei ritardi nei pagamenti. Generalmente quasi tutti fissano gli interessi di mora per 2 o 4 punti superiori rispetto al tasso prestabilito. Gli interessi di mora, per poter essere considerati validi devono essere dichiarati in maniera trasparente. Inoltre deve essere chiaro che, man mano che i giorni passano, gli interessi aumentano sempre di più.

Per questo motivo è molto importante sapere come ciascuna banca gestisce ogni ritardo così da riuscire ad avere ben chiaro a che tipo di sanzione andiamo incontro.

Perché si applica la mora?

Gli interessi moratori servono alle banche per tutelarsi. In questo modo, i cattivi pagatori sapranno che nel caso in cui non rispetteranno dei tempi prestabiliti saranno soggetti ad una multa. Dunque il motivo per il quale esistono le more è il fatto che in questo modo, le banche si tuteleranno e allo stesso tempo inviteranno i contribuenti ad essere puntuali con i pagamenti.

Queste sono informazioni necessarie per tutti coloro che devono gestire al meglio la propria attività. Per quanto un business disponga della possibilità di servirsi di specialisti nel settore della gestione fiscale è sempre consigliabile essere a conoscenza di queste nozioni.

Se siete sul mercato per un’auto o una casa, è importante considerare la vostra storia di credito. L’importo del prestito di 500 dollari non significa nulla se un individuo non può ripagare questo debito con tassi d’interesse fino al 14% quando non è nemmeno sicuro di quanti soldi arriveranno dalla sua busta paga ogni mese!

Conclusioni interessi moratori

Interessi moratori. Dovresti sempre scoprire che tipo di prestiti sono disponibili e quale si adatta meglio ad entrambe le parti prima di stipulare qualsiasi accordo (che potrebbe finire per costare di più che pagare in contanti).

Ci sono molti tipi di tasse che possono essere imposte sul vostro reddito, ma la tassa sul valore aggiunto è uno di questi. L’imposta sul valore aggiunto è stata un argomento caldo ultimamente in Europa e coloro che non hanno familiarità con essa potrebbero trovarsi a pensare “Non so come si chiama questa cosa dell’Unione Europea”, molto spesso quando qualcuno tira fuori le sue preoccupazioni sulle finanze o sui prezzi nei negozi dovuti alla tassazione da parte dei funzionari di Bruxelles.

Ti potrebbe interessare anche: Compensazione credito iva