Documento di trasporto digitale: non più DDT cartaceo?

autore articolo Veronica Balzano data articolo 21 Aprile 2022 commenti articolo 0 commenti

Documento di trasporto digitale. Nel tentativo di rendere più facile per le aziende della catena di approvvigionamento, GS1 Italy ha lanciato un nuovo progetto chiamato “Order to cash” Con questa iniziativa sperano che la prova di consegna possa essere digitalizzata e dematerializzata in modo che gli ordini siano rapidamente evasi senza alcun lavoro aggiuntivo da parte delle aziende o dei clienti.

La catena di approvvigionamento mondiale sta diventando ogni giorno più digitale e questo significa che ora ci sono meno processi manuali per le merci da attraversare. Il 23 giugno 2020, GS1 Italy ha annunciato il loro nuovo progetto “Order To Cash”; un’iniziativa che è stata creata con l’obiettivo di sostituire i vecchi sistemi di documenti di trasporto DDT con alternative moderne come le piattaforme ecommerce o le tecnologie blockchain!

documento di trasporto digitale

Il progetto comporta la digitalizzazione di tutti i tipi di informazioni che di solito sono incluse in forma cartacea, e mira a fondere questi dati in un flusso elettronico. In questo modo ci sarà ancora un valore legale dietro questi documenti anche se non sono più stampati su carta; forse attraverso l’apposizione di una firma o di altre caratteristiche identificative che possono poi facilitare anche i sistemi di pagamento quando necessario in futuro. Quindi il documento di trasporto digitale mira fornire un progresso interessante in termini di digitalizzazione delle imprese.

Prima di procedere con eventuali informazioni circa il documento di trasporto digitale, è bene ricordare velocemente cosa sia e perché è necessario emetterlo.

DDT cos’è e perché è importante emetterlo

Il documento di trasporto oltre a rispondere a un obbligo fiscale, copre anche la necessità di proteggere entrambe le parti in una transazione. Questo può essere fatto certificando con un appropriato codice DDT che vi permetterà di evitare di pagare il dazio sulle merci spedite all’estero per l’uso o la vendita della vostra azienda in patria – risparmiando denaro dove possibile!

Con l’abolizione delle bolle di consegna, le aziende sono ancora in grado di emettere una fattura differita.
Un’azienda che trasporta pane ogni giorno potrà farlo attraverso l’emissione di documenti di trasporto che esistono da prima dell’abolizione delle bolle di consegna in Italia e in altri paesi europei. Questi documenti permettono loro non solo la prova di consegna, ma anche come estratti conto mensili con una singola fattura che rappresenta ogni negozio al dettaglio in cui consegnano le loro merci in un dato mese – riducendo i costi e rimanendo conformi!

Documento di trasporto digitale

In termini di digitalizzazione dell’impresa, possiamo parlare di documento di trasporto digitale.

Se il DDT non arriva con una spedizione, può essere trasmesso elettronicamente, purché ciò avvenga entro 24 ore dalla consegna della merce. (Circolare n. 249 del 1996).

Il DDT è un documento a tutti gli effetti rilevante a livello fiscale oltre che civile, e deve essere conservato da chi vende la merce (e non dal trasportatore). Al fine di evitare qualsiasi problema futuro per quanto riguarda le tasse o la responsabilità da un incidente che può essere stato causato durante la spedizione dei vostri articoli si dovrebbe fare in modo di mantenere questi preziosi record al sicuro con usura minima su di loro in modo che possano ancora essere utilizzati in caso qualcosa vada storto!

Grazie a un processo di dematerializzazione e archiviazione digitale effettuato secondo gli standard definiti dalla legge, i documenti di trasporto possono essere digitalizzati in modo da essere conservati in formato elettronico anche in un secondo momento. Ecco che nasce quindi il documento di trasporto digitale.

Vantaggi di un documento di trasporto digitale

La digitalizzazione sta rivoluzionando il nostro modo di vivere, lavorare e giocare. Uno di questi impatti può essere visto in come le aziende sono ora in grado di migliorare i loro processi digitalizzandoli con tecnologie come l’e-DAS che sono state create appositamente per questo scopo ad una risoluzione abbastanza alta in modo da non aver più bisogno di esseri umani!

L’Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione del Politecnico di Milano ha scoperto che, in molti casi in cui una firma manoscritta è richiesta dalla legge o dal regolamento per creare una fattura elettronica ai fini dell’elaborazione dei pagamenti, può ancora essere utilizzata insieme ad altre firme digitali.

Quindi l’avvento del documento di trasporto digitale cambia le sorti dell’impresa:

Questo è un esempio di un modello in cui la modalità di gestione interna non ha molta importanza. Il fornitore e il cliente si accordano per utilizzare la forma elettronica per qualsiasi comunicazione parallelamente alle spedizioni fisiche, che devono comunque avere anche le fatture cartacee allegate.
Questo significa che ci sono due diversi sistemi utilizzati: uno per il flusso di dati (la spedizione) accoppiato al suo documento di trasporto associato; un altro che coinvolge il dialogo tra le parti coinvolte come i fornitori o i clienti che gestiscono le informazioni che li riguardano specificamente.

Ti potrebbe interessare anche: Modello DDT necessario per il trasporto merce