Cos’è la marca da bollo telematica digitale 2019?

autore articolo Cindy Nicole data articolo 23 Aprile 2019 commenti articolo 0 commenti

Quando e come va applicata? Come si assolve? Dove acquistarla?
Risolviamo tutti i dubbi sulla marca da bollo telematica!

Definizione

La marca da bollo è un’imposta che sostituisce l’Iva nei casi in cui non sia esigibile.
Nel 2019, ha preso piede la marca da bollo virtuale, ovvero la versione elettronica di quella tradizionale.

Quando viene applicata?

Prestazioni occasionali

Sono definiti lavoratori occasionali coloro che esercitano saltuariamente un’attività lavorativa per non più di 30 giorni con lo stesso committente e che emettono ricevute fino all’importo massimo di 5.000 euro.

Per questi soggetti non esiste l’obbligo di apertura della partita Iva.
Pertanto quando emettono la ricevuta (non la fattura), i collaboratori devono pagare l’imposta di bollo sui guadagni netti superiori di 77,47 euro.

Lo stesso discorso vale anche per i contribuenti rientranti nel regime dei minimi.

Medici

Anche i professionisti e medici che lavorano in campo sanitario sono soggetti all’obbligo dell’imposta di bollo da € 2,00.

Altre occasioni per la marca da bollo telematica

Tutti gli altri casi sono indicati nel DPR 642/72. Alcuni esempi sono:

  • le ricevute o le fatture esenti da IVA
  • i conti correnti bancari e postali se si supera la soglia dei 5.000 euro
  • le cambiali
  • la registrazione dei contratti di locazione

Per titolari di partita IVA

A partire dal 1° gennaio 2015, i contribuenti che hanno scelto di assolvere al pagamento dell’imposta di bollo in modo virtuale, devono presentare una dichiarazione consuntiva contenente il numero degli atti e documenti emessi nell’anno solare precedente, distinti per voce di tariffa, utilizzando l’apposito modello.

La dichiarazione deve essere trasmessa esclusivamente in via telematica all’Agenzia delle Entrate, direttamente on line o tramite intermediario, entro il mese di gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento.

Come funziona? Step per l’acquisto

A differenza di quella tradizionale comprata dal tabaccaio, la marca da bollo digitale si può acquistare esclusivamente sui siti internet delle Pubbliche Amministrazioni che:

  • offrono servizi interattivi di dialogo con gli utenti per la richiesta telematica e il rilascio dei documenti elettronici
  • hanno aderito al Nodo dei Pagamenti dell’Agenzia per l’Italia Digitale (pagoPA).

Il pagamento avviene direttamente online con addebito in conto, carta di debito o prepagata attraverso i servizi di pagamento del Sistema pagoPA.

Nella procedura, il cittadino:

  1. si collega al sito istituzionale dell’amministrazione presso la quale deve presentare un’istanza o richiedere un atto in bollo
  2. Dopo aver compilato i dati richiesti, sceglie uno dei PSP convenzionati con l’Agenzia delle Entrate, ovvero un intermediario autorizzato alla vendita di marca da bollo
  3. Invia il messaggio di Richiesta di Pagamento Telematico (RPT)
  4. Completa l’operazione di acquisto sul sito del PSP, che viene veicolata verso il sito della PA come allegato della Ricevuta Telematica