Come accedere ai finanziamenti a fondo perduto

22 Gennaio 2018 admin

Cosa sono i finanziamenti a fondo perduto: una premessa

Come accedere ai finanziamenti a fondo perduto

I finanziamenti sono sempre un tasto dolente per chi ha un’impresa e ha bisogno di “carburante” finanziario per avviarla. Quindi ogni imprenditore o aspirante tale spulcia avidamente le pagine di Google a caccia di presti o bandi per fondi pubblici.

C’è una tipologia in particolare di fondi Essi sono più noti in italiano come finanziamenti a fondo perduto, e hanno una simpatica caratteristica: non occorre restituirli in tassi di interesse.

I finanziamenti a fondo perduto, per la loro stessa natura di fondi agevolati, essi sono in genere rivolti ai under 35 e alle donne, considerati le fasce “deboli” della popolazione imprenditoriale. Non mancano tuttavia bandi per gli over 40 e 50, spesso disoccupati che intendono rilanciarsi come imprenditori.

Altre tipologie di bandi, fra cui “Resto al Sud” che è uscito il 15 gennaio, sono rivolti ai giovani imprenditori under 35 e residenti nel meridione d’Italia.

A erogare questi bandi sono in genere enti pubblici, statali, regionali ed europei.

Come accedere ai finanziamenti a fondo perduto: iter e limiti.

Per accedere al fondo perduto occorre consultare siti come Invitalia alla ricerca di bandi. Una volta accertato di rispettarne i requisiti (ossia l’essere donna, under 35 o altro) si può fare domanda.

Va detto tuttavia che per quanto l’iter di per sé non sia particolarmente complicato è comunque dispendioso in termini di tempo e attese. Questo perché i fondi pubblici destinati alle imprese vengono centellinati.

Tuttavia, pur di raccogliere finanziamenti, nulla va lasciato intentato, quindi ecco l’iter generale con cui si partecipa ai bandi per i finanziamenti.

  1. Una volta accertato di possedere tutti i requisiti per partecipare inviare la domanda di partecipazione corredata di modulo di adesione, business plan (che sia il meglio strutturato possibile) e documengti di identità. I dettagli di partecipazione, tuttavia, variano di bando in bando.
  2. Attendere che la domanda di partecipazione superi l’esame di una commissione tecnica
  3. Superato questo primo step di valutazione attendere il colloquio,
  4. Se si è superata anche questa fase firmare un documento che ti renda a tutti gli effetti beneficiario del finanziamento.
  5. Attendere l’uscita delle graduatorie in cui risulti beneficiario.
  6. Attendere l’arrivo vero e proprio del finanziamento a fondo perduto.

Un socio è inaffidabile? Come capirlo?

22 Ottobre 2015 Cindy Nicole

Una delle principali cause di fallimento di una attività? Il disaccordo tra soci. Perciò cerchiamo di capire quali sono le spie che ci indicano se un socio è inaffidabile o, peggio, ha addirittura cattive intenzioni!

In questo articolo vi insegniamo come capire se un socio è inaffidabile, qual è il loro comportamento tipico e quali strategie adottano!

Molti esperti in progetti di internazionalizzazione d’impresa consigliano di  parlare con i suoi ex colleghi di lavoro ed ex dipendenti.
Questa è sicuramente una dritta utile che potrebbe far luce sull’esperienza e il comportamento del singolo candidato a diventare vostro socio.

Ma se non riesci ad avere informazioni sul suo passato, ti darò altri spunti!

Sia che siate in procinto di prendere un socio, ma anche se volete capire se il vostro socio attuale non si sta comportando bene, dovrete cercare di fare attenzione ai seguenti segnali di pericolo:

  1. Mente di continuo: se notate che mentire fa parte della sua vita quotidiana, ci sono tutte le ragioni per aspettarsi che questo comportamento continuerà anche durante l’attività lavorativa. Non si può lavorare con qualcuno di cui non ci si può fidare!
  2. Si preoccupa di più per i soldi che per l’azienda: se si parla sempre e solo di soldi, dovete fare attenzione. Sarà difficile riuscire a prendere decisioni aziendali e investimenti razionali, se ci si scontra costantemente su dove va a finire il denaro.
  3. Ha sempre la scusa pronta: Se il vostro partner potenziale sembra cercare sempre una scusa, e si prende poco o niente della responsabilità delle proprie azioni, questo comportamento prima o poi paralizzerà la vostra attività.
  4. Non gli piace lavorare: un socio che aspetta sempre l’ultimo momento per fare il lavoro pesante, mentre si siede e approfitta del vostro lavoro. Nessuno vuole condividere i benefici quando anche lo sforzo non viene condiviso.
  5. E’ un maniaco del controllo: Vogliono controllare completamente l’azienda e voi. Comincia a discutere le spese, la vostra autorità e su ogni decisione … Questo è un calvario da cui c’è poco o nulla da guadagnare. Inoltre, potrebbe trattarsi di una persona con un disturbo narcisistico.
  6. Minaccia: un potenziale socio che minaccia coinvolgere avvocati o di citare in giudizio, vi renderà sicuramente la vita difficile, nel caso di conflitti interni.
  7. Hanno comportamenti strani e irregolari: Quando si ha un socio instabile, esso ha la tendenza a consumare energia durante le sue esplosioni emotive, e soltanto dopo a scusarsi per il suo comportamento scorretto.

Imprenditori? Diventarlo spendendo poco denaro

13 Ottobre 2015 admin

Scopriamo come diventare imprenditori spendendo poco denaro e non dissanguarsi nel tentativo.

Molti credono che per avviare un’azienda un sacco è necessario di denaro, ma non è sempre il caso. Se è vero che molte aziende di successo sono state create con un grande investimento di capitale, è importante notare che questo non significa che alla fine esse avranno successo.

Quando si inizia con poco, è necessario concentrarsi su come usare quei soldi saggiamente. “Ho iniziato la mia prima società con soli tremila dollari- un prestito da mio padre che ho usato per fare un corso di mediazione immobiliare. E’ stata una decisione importante per me, perché è quello che mi ha portato a iniziare la mia attività “, dice l’imprenditore Brenton G. Hayden. “Non era una grossa somma, ma era quello che mi serviva e l’ho spesa saggiamente.”

Vi presentiamo quindi una formula per imprenditori con grandi idee (ma poco denaro) che vogliono iniziare:

1. Diventare imprenditori senza alcun aiuto economico
In questo modo si impedisce che si debba rinunciare ad una parte importante del proprio business in futuro. Se avete molti soldi per iniziare, non vi allarmate. Molte startup giungeranno ad un momento in cui si renderà necessario cercare finanziamenti esterni, ma il supporto richiesto troppo presto è un errore.

Se si sfrutta il proprio capitale il più a lungo possibile, il prodotto o servizio avranno il tempo di guadagnare trazione e recuperare. Cercate i finanziamenti solo quando potete dimostrare nel dettaglio agli investitori come essi verranno utilizzati.

2. Attenzione ai debiti
L’acquisto di nuovi mobili è bello, ma è proprio necessario in questo momento? La maggior parte delle start-up richiedono meno capitale di quello che si pensi. Se si accolla tutto il debito sulle carte di credito si andrà molto rapidamente in rosso.

Un business di successo è il risultato di una sapiente massimizzazione delle opportunità disponibili. Si tratta di utilizzare ciò che si ha al fine di permettere di far accadere le cose e fare in modo di prendere le decisioni giuste, tenendo conto della fase in cui ci si trova.

3. Prepararsi al trascorrere del tempo
Il duro lavoro è un requisito per qualsiasi piccola impresa, soprattutto quando essa non si può permettere di acquistare risorse aggiuntive o assumere subito del nuovo personale. Quello che mancherà in termini di capitale dovrà essere sostituito con il proprio lavoro. Preparatevi per lunghi giorni e notti insonni, quando si inizia si deve essere al tempo stesso receptionist, contabile e direttore del marketing e finanza.

4. Prendere le opportunità quando arrivano
Un importante fattore di successo è quello di riconoscere le opportunità che vi vengono incontro. Individuare le lacune nel mercato; se si può riconoscere un bisogno e scoprire come soddisfarlo, si è sulla buona strada.

5. Agire
Le buone idee sono inutili senza la capacità di eseguirle. Infatti, non importa quanto capitale è necessario investire nel settore, ma agire è ciò che dà vita al vostro business. Impostate i vostri obiettivi, definendo un piano di azione e cominciate. E’ questa la soluzione perfetta? No, ma poche cose lo sono.

6. Appassionarsi
Nessuna somma di denaro può compensare la mancanza di passione. Se si crede davvero nella propria idea, rischiate. Ricordate sempre perché state facendo questo e non lasciate che nulla vi impedisca di raggiungere i vostri obiettivi. Avete solo bisogno  di ricordare che vale sempre la pena metterci la passione e l’impegno, i quali vi ripagheranno di tutti i vostri sacrifici .

Se avete una grande idea per la vostra azienda, non lasciate che la mancanza di denaro vi fermi. In questi giorni è più facile da fare che qualche anno fa, perché ci sono aziende che sopravvivono su un computer portatile, un sito web e un dominio registrato. Si può diventare imprenditori spendendo poco denaro: La cosa importante da capire è che anche una grande quantità di denaro non può compensare un’idea buona, se essa viene eseguita male.